Camminata su un tratto della Via Francigena fuori provincia 1


Hai delle fotografie dell’evento e vuoi condividerle? Contattaci!

-> Programma dell’evento

Resoconto

La vita del pellegrino è davvero dura, a volte si sfida la natura camminando sotto la pioggia oppure con condizioni metereologiche tutt’altro che propizie….. Oggi anche noi, pellegrini per un giorno sul tratto francigeno ROPPOLO – SANTHIA’, sfidiamo vento, sole e temperature elevate per questa camminata “fuori provincia”! Siamo comunque gratificati da tutto ciò che incontriamo su questo percorso, così vicino alla nostra Ivrea ma per molti di noi ancora sconosciuto.

Purtroppo oggi la nostra presidente, che tanto si è prodigata per realizzare questa escursione, ha un piccolo problema al ginocchio e ci accompagna solo fino a ROPPOLO. Dopo una foto di gruppo per il bollettino parrocchiale, ci incamminiamo verso CAVAGLIA’ attraversando campi e boschi. Ci viene incontro MARCELLO per farci conoscere da vicino la sua città. Per prima scorgiamo l’antica chiesa di San Vincenzo, purtroppo non visitabile (proprietà privata) e andiamo indietro nel secoli facendo una piccola deviazione fra i misteriosi “menhir”. Questi enormi massi, così situati in circolo, ci ricordano una piccola “Stonehenge”… non ci resta che ammirali supponendo chissà quale misteriosa testimonianza.

Appositamente per noi viene aperto l’oratorio di San Rocco, situato alle porte del paese, come spesso sorgevano gli edifici intitolati a questo santo protettore dei viandanti ed invocato contro la peste. Proseguiamo attraverso il vecchio borgo e ci avviciniamo alla Parrocchiale, dedicata a san Michele Arcangelo, una delle chiese barocche più belle e maestose del Piemonte. Oggi è il giorno dedicato al “Corpus Domini” e all’interno si stanno radunando i bimbi per la loro prima comunione… quindi la nostra visita è veloce, ma ci permette comunque di ammirare stucchi, affreschi e il grandioso organo “Serassi”.

All’uscita, con nostra gradita sorpresa, ci viene offerto un piccolo aperitivo presso la vicina sede di “MOVI-MENTI”. La calura si fa sentire sempre di più, ma ristorati da questa breve sosta, usciamo dalla città, proseguendo fino al Santuario di Santa Maria del Babilone. Ci meraviglia trovare una chiesa così monumentale all’interno di un cimitero, ma Marcello ci spiega che attorno al 1200 esisteva un villaggio con una chiesa romanica. Dopo la costruzione del borgo franco la chiesa non venne abbandonata ma con tempo venne rimaneggiata più volte fino ad assumere l’attuale aspetto barocco. Successivamente attorno ad essa nacque l’attuale cimitero!

Ancora un po’ di fatica, sotto il sole fra campi, cascine, qualche tratto alberato (breve, purtroppo!!!!) ed eccoci nei pressi della cascina Calliera per consumare il nostro frugale pranzo.

Ora il paesaggio cambia, ci regala uno spettacolo particolare, con i campi di riso allagati. Camminiamo fra queste “terre d’acqua” per raggiungere la 44a tappa di Sigerico, “Sanctae Agathae”, conosciuta come Santhià (Città di Sant’Agata). Ed ecco all’orizzonte spuntare un signore in bicicletta: è il nostro amico MARIO del’ Associazione “AMICI DELLA VIA FRANCIGENA DI SANTHIA” che ci viene incontro per proseguire con noi! Mario ci fa da Cicerone per visitare la COLLEGGIATA DI SANT’AGATA, la sottostante antica cripta, il PALAZZO del CAPITANO e la CHIESA DELLA SANTISSMA TRINITA’, recentemente restaurata. In questa splendida chiesa Mario ci fa notare l’altare ligneo barocco, varie raffigurazioni religiose, i blasoni di antiche famiglie santhiatesi, una notevole pala d’altare e gli affreschi relativi alla SINDONE. Renzo ci mostra anche la fotografia di un recente ritrovamento, al momento non visibile perché in attesa di restauro: si tratta di un antico affresco dedicato ad una ostensione sindonica datata 1608!!!

La nostra escursione giunge al termine, attendiamo i pullmini per il ritorno….

Che dire a MARCELLO, MARIO e RENZO: ….un GRANDISSIMO GRAZIE, in attesa di poter ricevere una visita sul tratto eporediese da parte dei nostri amici di Cavaglià e Santhià!!!!!

E per finire…..si torna a casa accaldati, ma, come nelle fiabe … felici e contenti…!….. arrivederci alla prossima escursione!

MARIA VITTORIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *