2016 03 05 IVREA MEDIEVALE

ALLA SCOPERTA DI IVREA MEDIEVALE E SUOI MONUMENTI (5-3-2016)


Alla scoperta di Ivrea Medievale  e suoi monumenti (5-3-2016)

Finalmente si inizia!!! Con questa interessante passeggiata nel cuore nella vecchia Ivrea riprendono le nostre iniziative. Quindi oggi, nonostante la giornata di pioggia, andiamo alla ricerca delle sorprese che ci riserva l’antica “Yporegia”.

Credevo di conoscere bene il territorio ma, con l’aiuto delle interessanti spiegazioni di Lauro, facciamo un percorso indietro nel tempo per scoprire, o riscoprire, qualcosa in più sulla nostra città. Presi dalla fretta e dalle abitudini di tutti i giorni, spesso non ci accorgiamo delle testimonianze romane e medievali che ci circondano: la bella TORRE di S.STEFANO (che è ciò che resta di un antico monastero benedettino), l’antica casa degli STRIA, la romanica chiesa di S.ULDERICO, ecc. . . . A proposito della casa degli Stria, oggi scopro, grazie all’intervento del l’ing. Morezzi dell’opera pia Moreno, che in questo luogo fu firmata, nel lontano 1391, la “PACE DI IVREA” fra Amedeo VII di Savoia ed i rappresentanti dei TUCHINI, rivoltosi che protestavano per le troppe tasse e vessazioni dei nobili.

 

Proseguiamo, i racconti di Lauro ci fanno rivivere tanti personaggi importanti, malvagi o santi, nobili o artisti,  sulle cui vite si sono accavallate storie e leggende, come il vescovo WARMONDO ed suo acerrimo nemico, il marchese ARDUINO; san BESSO, pittori come GIACOMINO da Ivrea e tanti altri. .

 

Percorriamo la salita che si inerpica sull’altura dove sorgono il Duomo, il Vescovado ed il Castello le cui “rossi torri”, decantate dal Carducci, sono un po’ l’emblema della città. All’esterno del duomo (sorto su resti di un tempio romano), Lauro ci fa notare la lapide a ricordo del RE ARDUINO.

Visitiamo la bella cripta contenente un antico sarcofago e gli affreschi recentemente restaurati. A questo punto, dopo il freddo e l’umidita,  ci ristoriamo presso la “PIOLA del Generale”.

Si prosegue con la visita guidata al MUSEO GARDA, preceduta da una bella lezione sulla tecnica degli “affreschi” tenuta dal giovane  Alessandro CAPPA, autore del bel libro “Sacri  affreschi medievali in canavese”.

 

Il nostro tuffo nel passato per oggi è terminato, ma ci manca la visita ad un altro gioiello di Ivrea, il chiostro di San Bernardino. . . . per questo aspettiamo una prossima passeggiata!!!

MARIA VITTORIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *